AeroModel.it
martedý 19 marzo 2019
    Centro Modellistica Barese
Home arrow Recensioni arrow Accessori e Componenti arrow Smokepump PowerboxSystems e canister AsPower
Men¨ principale
Home
Articoli Motori
Articoli Modelli
Articoli Tecniche di volo
Articoli Generici
Recensioni
Galleria media
Downloads
Cerca
Meteo
Links
Chi Ŕ online
Abbiamo 35 visitatori online
Previsioni meteo
Previsioni meteo
Siti correlati
Smokepump PowerboxSystems e canister AsPower PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Inviato da Sandro Cacciola   
venerdý 06 maggio 2011
Indice articolo
Smokepump PowerboxSystems e canister AsPower
2. Installazione
3. Canister AsPower
4. Setup
5. In volo

In volo: e fumo sia!

Prima di proseguire devo spendere due parole sulla qualità dei canister della AsPower. Abituato al barilotto di serie nel mio DLE55 appena messo in modo il motore con il nuovo canister quella che ho sentito uscire dal motore è stata una “musica” e non un borbottio da motosega… (ma sono gusti personali). Motore più pronto a tutti i regimi, silenziato e con prestazioni leggermente superiori a quelle già esuberanti del motore. Il canister è già una bellezza a vederlo e si installa senza problemi grazie alla predisposizione per il mio modello (e ne sono previsti per tanti altri). In questo caso, su consiglio di AsPower ho voluto provare il loro liquido fumogeno che oltre ad avere una grande resa è esente da idrocarburi, non sporca ed è quasi inodore. Questo consente non solo di evitare inquinamenti dell’aria ma anche di prendersi cura degli ingranaggi della pompa che non dovendo supportare idrocarburi hanno una durata maggiore.

In volo  

Alla prima accensione della pompa ho verificato una fuoriuscita anomala di liquido dallo scarico, segno che il liquido immesso nello scarico era troppo. Ho dunque pian piano diminuito la percentuale di intervento della pompa (agendo come se fosse un servocomando limitandone la corsa) fino ad arrivare ad un buon compromesso di uscita di fumo. In volo lo spettacolo è entusiasmante anche se qualcosa si paga una volta a terra per la pulizia del modello. Infatti ho verificato che i piani di coda erano abbastanza sporchi a causa di una parte di liquido non proprio trasformata in fumo dal calore. Il lavoro da fare sarà trovare il giusto compromesso, ognuno per i suoi gusti.

Per quanto riguarda il comportamento della pompa nulla da eccepire, salvo che se aumentate la portata il serbatoio del liquido si svuota abbastanza velocemente. Ho provato anche a verificare l’accensione della ricevente con la pompa inserita e la sicurezza si è attivata disinserendo la pompa per evitare uscite di liquido a motore spento.

Che dire? Sistema semplice, funzionale e affidabile. Non per nulla adoperato dai più esperti piloti in tutto il mondo… Se non si usa per lungo tempo un’accortezza: inserite qualche goccia di “after run” o olio lubrificante nel tubetto e fate girare un paio di secondi la pompa: gli ingranaggi si lubrificheranno ben bene.

Galleria immagini

(0) Discussioni



Ultimo aggiornamento ( martedý 20 settembre 2011 )
 
< Prec.   Pros. >
Siti Correlati
Cerca con Google
Login Form





Password dimenticata?
Non hai ancora un account? Registrati
Siti correlati